home news

Gestione dei rifiuti urbani

La gestione dei rifiuti urbani fa riferimento all’obiettivo di servizio "Tutelare e migliorare la qualità dell’ambiente in relazione al sistema di gestione dei rifiuti urbani" esplicitato da tre indicatori cui sono stati applicati i target vincolanti per attivare il meccanismo di incentivazione associato al loro raggiungimento. I tre indicatori contribuiscono al raggiungimento dell’obiettivo di servizio in quanto descrivono gli effetti di una corretta gestione dei rifiuti urbani, coerente con gli indirizzi di settore e la gerarchia europea dei rifiuti, tendente a minimizzare il conferimento in discarica (indicatore S07) potenziando al massimo il recupero di materia dai rifiuti, obiettivo rispetto al quale le pratiche di raccolta differenziata (indicatore S08) e compostaggio (indicatore S09) sono precondizione essenziale.

L’indicatore S.07 (Chilogrammi di rifiuti urbani smaltiti in discarica per abitante all’anno)

considera le quantità pro capite di rifiuti urbani che vengono annualmente conferite in discarica, indipendentemente dalle modalità di raccolta ed eventuale previo trattamento cui i rifiuti siano stati eventualmente sottoposti. Il valore dell’indicatore S07 dipende dal rapporto tra il quantitativo totale annuo di rifiuti urbani smaltiti in discarica ed il numero di abitanti. In particolare, occorre notare che per la regione Campania il quantitativo di rifiuti urbani da considerare come smaltiti in discarica comprende, il quantitativo di rifiuti urbani trattati e stoccati sotto forma di ecoballe. L’indicatore è dunque rappresentativo della quantità pro capite di rifiuti urbani gestiti in discarica.

L’indicatore S08 (Percentuale di raccolta differenziata sul totale dei rifiuti urbani)

rappresenta la percentuale di rifiuti urbani oggetto di raccolta differenziata sul totale dei rifiuti urbani ed evidenzia l’eventuale scostamento del dato aggregato a livello regionale rispetto alle percentuali minime di raccolta differenziata dei rifiuti urbani che le città devono assicurare ai sensi della vigente normativa.  S08 indica, quindi, l'aumento del livello di raccolta differenziata della regione Campania

L’indicatore S09 (Compostaggio

esprime il rapporto tra la frazione umida (frazione organica e verde) proveniente dalla raccolta differenziata trattata in impianti di compostaggio e la frazione di umido nel rifiuto urbano totale per la produzione di compost ex. D.lgs 217/06 Il valore dell’indicatore esprime un approfondimento del dato S07 nel descrivere il flusso di materia inviata ad impianti di destinazione finale (compostaggio o digestione anaerobica).

Azioni della regione Campania

Tra le azioni della regione Campania particolare rilevanza assume l'obiettivo operativo 1.1 del Por Fesr 2007-2013 per promuovere azioni di sostegno ai Comuni finalizzate all'incremento della raccolta differenziata, così come indicato all'interno del Raos 2009. La strategia e le azioni messe in campo dalla regione Campania per l'obiettivo di Servizio in questione sono indicate all'interno del Piano sociale regionale approvato con Dgr 694/2009. La Governance del  Piano di Azione obiettivi di servizio è coordinata dal Gruppo di lavoro impegnato nelle funzioni di coordinamento, impulso e monitoraggio del Piano. La responsabilità diretta dell'attuazione delle attività previste per questo obiettivo ricade nel settore competente (settore 01 dell'AGC 21, dirigente dott. R.Santacroce). 

 

 

DELIBERE REGIONALI

Approvazione Raos regione Campania 
Delibera 1714 del 20 novembre 2009 

Piano d'azione obiettivi di servizio 
Delibera 210 del 6 febbraio 2009

 

DECRETI REGIONALI

Costituzione Gruppo coordinamento Piano di azione
Decreto dirigenziale 47 del 24 giugno 2009
 

ALTRI DOCUMENTI 

Procedure e modalità meccanismo premiale
Delibera Cipe 82 del 3 agosto 2007 

Regole incentivazione 
Allegato delibera Cipe 82/07 

Linee guida Raos

Linee guida premialità gruppo tecnico centrale